Giorgio Albiani tra i musicisti ospiti del 27° Concerto di Natale in Vaticano 2019.

L’aretino Giorgio Albiani, chitarrista, docente del Conservatorio Statale di Musica “B. Maderna” di Cesena e direttore artistico dell’Associazione Culturale D.I.M.A. di Arezzo, sarà tra gli ospiti della 27° edizione del tradizionale Concerto di Natale che si terrà in Aula Paolo VI del Vaticano sabato 14 dicembre prossimo.

Albiani condividerà il palco con alcune grandi voci internazionali del pop, del rock, del soul, del gospel, della lirica per festeggiare insieme la ricorrenza del Natale in un concerto che riproporrà i motivi più classici e più evocativi della festa. Tra i big della musica nazionale e internazionale ci saranno Arisa, Noemi, Simone Cristicchi, Elisa, il flautista Andrea Griminelli, l’ultimo vincitore del Festival di Sanremo Mahmood, Alma Manera, Susan Boyle, Mireille Mathieu, Lionel Richie, l’Art Voice Academy, il Piccolo Coro Le Dolci Note, The Charleston Mass Gospel Choir e molti altri. L’Orchestra Italiana del Cinema saranno dirette dai Maestri Renato Serio, con cui Albiani ha già collaborato nell’esecuzione del Concierto de Aranjuez, e Adriano Pennino.

Il concerto, presentato da Federica Panicucci, verrà poi trasmesso la sera della vigilia di Natale su Canale 5.

Come ogni anno all’evento sono abbinati progetti di solidarietà proposti dalle due Fondazioni promotrici, la Fondazione Scholas Occurrentes e le Missioni Don Bosco. In particolare, il Concerto di Natale in Vaticano 2019 rilancia l’impegno di Papa Francesco per l’Amazzonia. Le due organizzazioni promotrici si uniscono per la salvaguardia di questa terra e dei popoli indigeni.

Grazie all’impegno di Scholas Occurrentes, gli studenti delle 450.000 scuole sparse nel mondo e appartenenti alla piattaforma Scholas.social verranno sensibilizzati e avviati ad un’attività di riforestazione, sull’esempio delle popolazioni originarie dell’Amazzonia, alla ricostruzione di rapporti armoniosi con la natura e fra gli uomini.
L’azione di Missioni Don Bosco si focalizza invece sulla tutela dei diversi gruppi etnici indigeni del distretto di Iauaretê, un luogo impervio nel cuore dell’Amazzonia, al confine con la Colombia. I missionari salesiani, che dedicano la maggior parte delle loro attività ai bambini vulnerabili, vogliono costruire una struttura dedicata all’accoglienza diurna e notturna dei minori più a rischio, per proteggere quelli che in futuro saranno i custodi della foresta pluviale.

Maggiori info: www.concertodinatale.it

Giorgio Albiani, nato ad Arezzo ha iniziato dall’età di 5 anni come autodidatta lo studio della Chitarra. Si è diplomato al Liceo Musicale Pareggiato “Orazio Vecchi” di Modena, con i maestri Vincenzo Saldarelli e Florindo Baldissera, ottenendo il massimo dei voti e la lode. Successivamente ha seguito i corsi di perfezionamento di Leo Brower e Alvaro Company all’Accademia Chigiana di Siena e di Alberto Ponce presso l’Ecole Normale de Musique “Alfred Cortot” di Parigi dove nel 1990 ha vinto il primo premio con menzione al “Concour d’Exécution” e nel 1991 il “Concours de Concertisme”. Ha approfondito la conoscenza della produzione musicale elettronica e multimediale, conseguendo la laurea magistrale in “Musica e nuove tecnologie” con il massimo dei voti e la lode al Conservatorio di Firenze.  Come compositore e sound engineer ha composto colonne sonore per spettacoli con attori quali Simona Marchini, Mico Cundari, Manuela Kusterman, Riccardo Cucciolla, Franca Nuti, Sandro Lombardi, Davide Riondino e per case editrici e discografiche come Garzanti, Materiali Sonori, Rai e Mediaset, ottenendo premi della critica come il “Lira Gillar” svedese, il “Bravò” francese, il “Fbis” italiano e la Nomination al “Peer Raben Music award” del “SoundTrack_Cologne 8.0” Festival del 2011. Svolge un’intensa attività concertistica come solista esibendosi nei più importanti festival internazionali in città come Parigi, Lugano, Buenos Aires, Bologna, Firenze, Barcellona, Siviglia, New York, in teatri come il Theatre Du Forum Des Halles, Centre Pompidou, Salle Cortot, la Morgan Library di New York e l’Oratorio del Gonfalone di Roma. Ha collaborato con vari ensemble strumentali e tra gli altri l’Ensemble de Guitares de Paris e il quartetto di chitarre “Opera Nova” con i quali ha inciso il cd “Images”, coproduzione italo-francese. Fa parte del quartetto “Take Four” i cui componenti provenienti da Italia, Francia e Belgio gli conferiscono una forte ispirazione europea. Con il chitarrista argentino Omar Cyrulnik, docente dell’Universidad de Las Artes de la Repubblica Argentina Buenos Aires, ha fondato “DuotanGO” con il quale ha inciso il cd “Verdemar” ed ha tenuto concerti nelle piu’ prestigiose stagioni concertistiche di tutto il mondo. Nel campo della musica etnica, Giorgio Albiani ha stretto da anni un sodalizio con il trio vocale i Viulàn per i quali compone gli arrangiamenti strumentali, con i quali ha vinto un Disco d’Argento EMI e il I* premio al prestigioso Concorso Unesco “Sharq Taronalari” di Samarcanda, tra oltre quaranta gruppi in rappresentanza di altrettanti Paesi del mondo. Con i Viulàn, Giorgio Albiani si è esibito tra gli altri al Festival di Edimburgo, delle Dolomiti e di Fès ed ha registrato per Rai, Warner, EMI e BBC. Nel 2018 è nata la collaborazione con il grande sassofonista jazz Francesco Santucci con il quale propone programmi musicali tra Jazz classica e musica elettronica nei più importanti festival europei. E’ commissario in concorsi internazionali tra i quali il Concours International de Guitare de Paris (F) e Concurso Internacional de Ejecución Musical Luis Sigall de Vina del mar (Chile) e docente in master class di alto perfezionamento presso Conservatori Italiani e stranieri, tra i quali spiccano quelli di Parigi, Granada, Siviglia, Perpignan, Digione, Buenos Aires e l’Académie de Musique Fondation Prince Rainier III de Monaco.
E’ coordinatore del Corso di Musica Elettronica e titolare della cattedra di Chitarra al Conservatorio “Bruno Maderna” di Cesena; è Docente del Corso Superiore di Chitarra all’Accademia D.I.M.A di Arezzo, di cui è anche direttore artistico. D.I.M.A., che ha sede in Casa Petrarca ad Arezzo, dal 2015 ha creato “I laboratori del Suono” un innovativo progetto di didattica e ricerca in sodalizio con Armonica Onlus di Marco e Monica Morricone, sostenuto da SIAE, Banca Euromobiliare e Fondazione Casa dello Spirito e delle Arti presieduta da Arnoldo Mosca Mondadori. Da quest’anno D.I.M.A. e ARMONICA ONLUS stanno sviluppando un protocollo di ricerca sul tema della musicofilia legata a particolari sindromi, con il Centro Nazionale Malattie Rare dell’Istituto Superiore di Sanità.